Gli Etruschi

Etruschi

Il Medioevo

Il Medioevo

VILLE E GIARDINI

Chiese e Musei

Chiese e Monumenti

Antichi Borghi

Sapori di Tuscia

Sapori di Tuscia

Guide Turistiche San Martino al Cimino

b_700_455_16777215_00_images_sanmartino_sanmartino-abbazia.jpgSalendo tra secolari castagneti giungeremo San Martino, il principato della Papessa, Olimpia Pamphili, cognata di papa Innocenzo X, che trasformò il piccolo borgo a somiglianza di piazza Navona a Roma.

Già, a somiglianza di piazza Navona dove Olimpia, definita la perfida papessa, capace di tenere le briglie del Vaticano, visto che papa Innocenzo X era suo cognato, viveva in un bel palazzo affacciato sulla celebre piazza di Roma.
Avida di potere e di ricchezze, Olimpia si fece affidare dal papa il borgo di San Martino dove trasformò il complesso conventuale dei monaci cistercensi ina una grande e lussuosa residenza, ed intorno al borgo, come una vera e propria fortificazione, fece costruire le case dei coloni chiamati per lavorare le sue terre. Queste case dai tetti digradanti in perfetta simmetria, rappresentano una un raro esempio seicentesco di case a schiera.

b_200_0_16777215_00_images_sanmartino_sanmartino-aerea.jpgLa nostra visita guidata di San Martino al Cimino inizia dalla parte più alta del borgo dove svetta l'imponente complesso conventuale con la splendida Abbazia Cistercense fiancheggiata dalle sue totti campanarie e da una grande polifora vetrata centrale.
L'interno è grande, a tre navate, austero, tutto in peperino grigio locale, con archi a crociera sorretti da colonne e pilastri, trasmette il linguaggio essenziale dell'architettura romanico gotica.

Dal sagrato della chiesa, si ammira un grande panorama che arriva fino al mare di Tarquinia e, nelle giornate terze, si vede benissimo la figura del monte Argentario, mentre a nord i profili del monter Amiata e del Cetona.

San Martino merita quindi una visita guidata, anche veloce per visitare una delle chiese  più importanti dell'alto Lazio.

b_200_0_16777215_00_images_prodotti_castagne-cesto.jpgIn autunno, San Martino appare avvolto da mille colori dei secolari castagneti, dal verde al giallo, dal marrone all'ocra ed è il periodo ideale per le famose "ottobrate romane", scampagnate col fresco ma con un clima ancora mite, belle giornate e sapori di bosco.
Nei ristoranti della zona vengono proposti piatti a base di nocciole, castagne, tartufi e vino novello.


Contattateci, vi daremo suggerimenti per pianificare il vostro Tour a Viterbo e nella Tuscia.

GUIDE VITERBO - Guide Turistiche Ufficiali per Viterbo e provincia

Tel 0761 647941 - 338 2042866
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.